domenica 13 gennaio 2013

Ho due amori: il mio Paese e Parigi. (Joséphine Baker)

Non so voi ma io a questo 2013 non riesco ancora ad abituarmici.
Si lo so non è cambiato nulla, ma il rientro dalle "vacanze" è sempre traumatico.
Quest'anno senza alcun motivo ancora di più.
Faccio le cose con estrema lentezza.
Mi fermo nel bel mezzo del nulla e medito.
Penso.
Rimurgino.
Dormo male.
Ricordo.
Ecco si, molto spesso in questo periodo mi capita di ricordare e ripensare ad un determinato periodo della mia vita.
Vi è mai capitato di sentirvi a casa in un posto che non è casa vostra?
A me si.
A Parigi.
In questi giorni ripenso sempre al periodo passato a Parigi, agli odori, alle sensazioni e a quel vuoto che mi ha lasciato nel cuore una volta tornata.
La compagnia era pessima, ma io ero felice ugualmente.
Non ricordo di aver mai camminato o aver sentito la stanchezza, perchè in effetti non camminavo, fluttuavo nell'aria, da un punto all'altro totalmente integrata in una città mai vista prima di quel momento.
Non facevo altro che sorridere e dire Bonjour a chiunque assimilando persino quel tono quasi cantato che usano i francesi.
Vagavo per le sue vie facendomi avvolgere dall'odore dolce dei croissants, ai quale non riuscivo mai a resistere e puntualmente entravo in una pasticceria e ne uscivo assaporando quel gusto burroso e fragrante che non ho mai più trovato rientrando in Italia.
E ricordo la fortissima emozione fino alle lacrime, la prima volta che sono entrata al Louvre.
Un'emozione nata dalla pancia, che mi ha scosso talmente tanto da singhiozzare come un bambino.
In quel momento ho capito cosa significasse piangere di gioia.
In quel momento ho capito perchè ho passato tanti anni sui libri a studiare il bello.
Perchè l'arte è bella.
E il mondo è pieno di arte.
Quindi il mondo è bello.
E io voglio conoscerlo, esplorarlo e piangere di gioia ancora tante volte.
Ciao.


21 commenti:

  1. Parigi è ricca di fascino ma non ne ricordo un bon odore :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come no?
      l'ore di croissant era ovunque al mattino...
      magari però sono solo le narici della'ammooore che parlano...

      Elimina
    2. forse ero io che la giravo solo di notte e mai il mattino :D

      Elimina
  2. Non ci sono mai stato, ma mi piacerebbe, per i suoi cineasti, i suoi scrittori o chi ci è vissuto ... e poi, l'amore per l'arte dei francesi non ha eguali in Europa, forse nel mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avessimo noi lo stesso amore e la stessa cura per l'arte.
      e invece no, lasciamo che Pompei (citazione più ovvia ma che rende) muoia ogni giorno sempre di più.

      Elimina
  3. Ti capisco...è capitato anche a me, ma non con Parigi...purtroppo a Parigi non ci sono ancora mai stata...e quindi ti invidio le brioches burrose che in Italia non sanno fare e il Louvre :). Anche se ammetto che la cosa che vorrei vedere più di tutte là è Versaille (anche se non è a Parigi chiaramente XD).
    Morbidi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Francia è bella tutta... bisognerebbe visitarla una volta nella vita.. quel'è il tuo luogo che reputi casa??

      Elimina
  4. L'anno scorso avevo progettato un viaggetto insieme a mia sorella..tutto pronto, prenotato e sistemato..all'ultimo lei si è sentita male e non siamo più partite!!! Se ci ripenso mi vengono i lucciconi agli occhi..e non sono lacrime di gioia!! :(

    il sillogismo sul mondo e l'arte è assolutamente vero!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo ma che sfiga..
      però la Francia non è lontanissima.
      Fossi in te ci riproverei...
      ti auguro di perderti per le vie di Parigi prima o poi..

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Ammetto di non amare la Francia (più che altro le persone e quella loro lingua..), ma per quanto riguarda cultura e arte.. è nel cuore. Sono stata un bel po' di tempo fa a Parigi, stupenda è un semplice eufemismo. Il Louvre e Notre Dame mi hanno letteralmente rubato il cuore, tra le loro mura, tra quelle pietre che trasudano storie di vite passate ho forse iniziato a capire quanto sia stupendo ed unico il mondo in cui viviamo. Un po' come Londra, dopo che la visiti una volta senti il bisogno di tornarci ancora e ancora :)
    Elefanti tristi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche Londra è meravigliosa è vero, ma nel mio cuore Parigi ha sempre il primato

      Elimina
  7. Sì, anch'io quest'anno faccio davvero fatica a riprendere il ritmo! Mi sento sempre stanca, con la testa altrove, capacità di concentrazione (soprattutto lavorativa) pari a zero...grrr! Vorrei fosse già estate!!

    ps: stamattina per sbaglio ho cancellato il tuo commento al mio post del video di "Papa don't tuit"! Scusami! Vedi?? Ancora non mi sono ripresa dalle vacanze di Natale!! ;((((

    RispondiElimina
  8. ahahahah... tranquilla, no problem ti capisco benissimo...
    baci

    RispondiElimina
  9. Anni fa, dopo essere stato dieci giorni a Parigi e aver abitato un appartamento nel Marais, facendo la spesa nelle botteghe dei dintorni come un comune parigino, quando tornai a Firenze mi sembrò di essere in un piccolo paesino di provincia, sia per la mentalità dei miei compaesani che per lo stile e la qualità degli avvenimenti culturali.
    Quindi condivido molto questo tuo post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bhe devo dire cne anche a Firenze ho lasciato un pezzo del mio cuore.. anche per la prima volta proprio a Firenze ho visto quello che studiavo sui libri dal vivo...
      città meraviglio, gente genuina...

      Elimina
  10. anch'io non riesco ad abiutuarmi a questo 2013 che è iniziato maluccio....sono ancora con i postumi di una tracheite che non mi lascia più.

    sono troppi anni che non vado a Parigi..la sogno e questo sogno deve diventare realta

    ave

    RispondiElimina
  11. te lo auguro con tutto il cuore...

    RispondiElimina
  12. premetto che ho trovato questa discussione alla ricerca di aforismi su parigi.....che dire sembra che qualcuno sia riuscito/a a leggermi nel pensiero come per te anche per me parigi ha 1 spazio tutto speciale, lì è il solo posto dove posso dire finalmente a casa. sono stato per la prima volta a parigi nel dicembre 2011 e da allora appena posso ci vado (sono stato anche nell'agosto 2012 e andrò ad agosto 2013) , come dici tu l'aria è tutta speciale , là non si cammina ma si riesce a fluttuare nell'aria poi quei sapori, gusti ma anche i semplici sguardi dei passanti là sono speciali..... i miei amici mi chiedono sempre ma perchè ritorni a parigi se ci sei già stato io rispondo sempre così "chi non è mai stato a parigi non può capire l'atmosfera , lì è casa mia ,lì riesco a riposarmi mentalmente e lì è l'unico posto dove si sogna senza chiudere gli occhi " grazie e ciao a tutti alessandro

    RispondiElimina